About me

About me

Sono web content writer, travel consultant e docente. Se vuoi trasferirti, visitare o studiare nel Regno Unito, qui troverai notizie, consigli e servizi di cui potresti avere bisogno per affrontare quest'esperienza!

Blog

Welcome to my blog

LONDRA IN PILLOLE

5 cose che ho imparato vivendo a Londra

Londra è una palestra a cielo aperto. Ecco alcuni consigli

Londra è affascinante, travolgente ma può essere anche un’ottima palestra di vita. Chi la vive ogni giorno sa bene a cosa mi riferisco. E’ senza dubbio una città che offre tante opportunità, occasioni di crescita e riscatto ma sa essere anche molto dura.

Non mi riferisco solamente alle  corse quotidiane per prendere i mezzi, per andare a casa, fare la spesa e mille azioni quotidiane. Devi calcolare che ti trovi in un altro paese, con una lingua, una cultura e una legislazione diversa. E devi essere pronto a gestire qualsiasi difficoltà o emergenza.

Se non sai ancora bene l’inglese, inizialmente, avrai difficoltà a capire o farti capire. Puoi capitare che tu perda i documenti e non sai assolutamente a chi rivolgerti o come spiegarglielo. Anche di non avere più soldi per tornare a casa o per fare un pasto completo tutti i giorni.

Ho sentito qualsiasi genere di storie, credimi. Londra è una città che, se hai carattere e forza di volontà, sei capace di gestire senza problemi. In caso contrario, o ti armi di una buona dose di spirito di adattamento e determinazione o sei destinato a soccombere. Di seguito 5 cose che ho imparato vivendo a Londra.

Londra

1. Avere spirito di adattamento

Molte persone mi dicono: – Voglio trasferirmi a Londra ma non ho intenzione di condividere una casa con altre persone -. Londra è estramemente cara. Quindi, a meno che non sia disposto a spendere circa £1200 al mese per un 1 bedroom flat, un appartamento condiviso è la soluzione ideale. Inoltre, potenzierai il tuo spirito di adattamento e di sopportazione. Credimi, vivere con 5, 7 o 10 persone non è semplice ma un giorno potrai dire – se c’è l’ho fatta in quella situazione, posso affrontare tutto!

Leggi anche Affitti a Londra: cosa sapere? L’intervista di Claudio Crisafulli

2. Contare sulle mie forze

Anche se hai il pieno appoggio della tua famiglia, a Londra sei solo. Sei solo quando vai a prendere la metro. Sei solo quando vai a lavoro e torni a casa alle 2 del mattino guardandoti alle spalle mille volte e tirando un sospiro di sollievo quando avrai chiuso la porta di casa. Sei solo quando vai a fare la spesa e devi caricarti due o tre buste a piedi più una confenzione d’acqua e casa tua non è proprio dietro l’angolo. Sei solo quando devi discutere l’affitto con il landlord o con i tuoi coinquilini perchè non lavano i piatti da settimane. Sei solo quando devi traslocare trasportando i tuoi bagagli sulla metro.

Sei solo quando devi andare in banca ad aprire il conto, quando devi andare alle poste o in qualunque altro ufficio a sbrigare delle pratiche. Sei tu che vivi la tua vita. Se, per fare tutte queste cose, conti sulle tue forze e hai successo, sii fiero di te stesso. Se non riesci, trova un modo per rafforzare questo tuo aspetto. Vai in palestra, fai yoga, perfeziona il tuo inglese, fai nuove amicizie e provaci finchè non ci riesci. Accrescerà la tua autostima e di conseguenza eccellerai nelle faccende della vita quotiana.

3. Fare qualsiasi lavoro

Un’altra frase che sento spesso ripetere è: – In Italia sono laureato in Giurisprudenza o in Architettura e voglio cercare lavoro a Londra nel mio settore-. Credimi, non è cosi semplice arrivare dall’Italia e fare quello che si vuole dal primo giorno. Non dico che non sia possibile ma ci vuole del tempo e, soprattutto nella fase iniziale, devi adattarti a qualsiasi situazione, anche estrema.

Parti con un obiettivo, perfeziona l’inglese ma preparati a fare tanti colloqui e altrettanta gavetta prima di arrivare dove vuoi. Se per mantenerti, e credimi ne avrai bisogno, dovrai andaee a fare il lavapiatti, fallo! Non porti dei limiti. Sarà un bel bagaglio di esperienza che porterai alle spalle. E quando arriverà il lavoro dei tuoi sogni, sarai in grado di riconoscerlo e apprezzarlo.

Leggi anche Regno Unito: come superare un colloquio di lavoro in 5 mosse

4. Come gira il mondo

E’ proprio vero che viaggiare apre gli orizzonti. Studiare è molto importante, lo dice un’eterna studentessa, ma sui libri non trovi il manuale d’istruzione per affrontare le prove che ti pone la vita. Nessuno può insegnartelo ma lo puoi imparare. Spesso a tue spese ma uscire, girare, viaggiare serve proprio a questo.

A fare nuove esperienze, a confrontarti con altre persone, altre mentalità e altre culture. Fossilizzarsi in un posto non aiuta. E’ necessario viaggiare, sperimentare e vedere come gira il mondo altrove. E’ anche utile per capire quali sono i tuoi limiti e superarli.

Mi capita di incontrare persone anche più di grandi di me che vivono con il freno a mano. Temono di guidare un auto diversa dalla propria, il buio, il cambiamento o di rimettersi in gioco perchè la paura di sbagliare è più forte.

Sono limiti che, ad un certo punto della vita, devi superare. Non riuscire a superare degli ostacoli del genere, corrisponde a vivere a metà. Vivere in una grande città come Londra ti aiuta a togliere il freno a mano e mettere la quinta, se vuoi evitare di essere schiacciato dagli eventi.

Ti può interessare anche Ecco 10 motivi per cui un’esperienza all’estero ti arricchisce

5. Ognuno pensa a se stesso

A Londra si è tutti amici quando serve magari per un’uscita al pub, per una notte da leoni in discoteca. Insieme si può anche fare l’alba ogni sabato. Si può andare fuori a cena, si possono passare interi pomeriggi a parlare, a discutere del più o del meno o ad esplorare Londra. Ma al momento del bisogno, ognuno pensa a se stesso. Non è cattiveria. E’ che a Londra non c’è tempo per pensare agli altri.

La società inglese è basata sulla meritocrazia: se non eccelli in quello che fai, non puoi tenere testa ai tuoi concorrenti in ambito lavorativo. Questo spinge le persone a studiare costantemente, a focalizzarsi sui propri obiettivi e non avere tempo da dedicare alle relazioni.

Il ragionamento è: devo contare sulle mie forze, nessuno pensa a me, dunque il tempo libero lo dedico a me stesso. Zero distrazioni. Non fa una piega, giusto? Almeno durante la settimana. Poi nel weekend tutti al pub a recuperare il perso!

Cosa ne pensi di questi 5 consigli? Condividi la tua esperienza a Londra sul gruppo Facebook di Londra Solo Andata. E tagga le tue foto su Instagram.

You Might Also Like


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: